Accordo globale Orpea concluso senza i sindacati rappresentativi

banner ORPEA uni global agreement

(Bruxelles 12 aprile 2022) La federazione sindacale globale UNI GLOBAL ha rilasciato un comunicato stampa che annuncia la firma di un accordo quadro globale con la multinazionale francese ORPEA venerdì 8 aprile. Questo accordo manca di legittimità.

Per la Federazione europea dei sindacati dei servizi pubblici (EPSU), è inconcepibile fare un accordo con un'azienda senza un mandato adeguato dei sindacati interessati e senza il coinvolgimento dei sindacati rappresentativi del paese dell'azienda.

Per Jan Willem Goudriaan, segretario generale dell'EPSU, "Questo accordo ha un impatto su molti sindacati e sui lavoratori che essi rappresentano in ORPEA - ma senza un loro coinvolgimento attivo o il loro consenso. Questo è inaccettabile". Continua: "ORPEA ha più di 24.000 lavoratori in Francia, la maggior parte dei quali ha appreso di questo accordo attraverso la stampa".

L'accordo è stato negoziato all'insaputa di CGT, CFDT e FO, i sindacati rappresentativi francesi. Queste sono le federazioni sindacali rappresentative in ORPEA che possono firmare il contratto collettivo settoriale. Anche altri sindacati rappresentativi in Belgio, Germania, Italia e Spagna non sono stati coinvolti. Tutti questi sindacati sono affiliati a EPSU. Anche nei paesi in cui ORPEA si sta espandendo rapidamente, come l'Irlanda e i Paesi Bassi, non c'è stato un processo di consultazione adeguato. I lavoratori di questi paesi rappresentano la maggior parte della forza lavoro globale di ORPEA. UNI GLOBAL non può quindi rivendicare la rappresentatività in ORPEA.

I sindacati francesi hanno recentemente affrontato la ORPEA in tribunale, accusando l'azienda di favorire il sindacato “di comodo” Arc-en-Ciel durante le elezioni sindacali. L'azienda ha portato in tribunale i sindacalisti in Francia a causa delle loro critiche all'azienda e l'accordo non fa nulla per il ritiro delle cause - anzi, potrebbe essere usato contro i nostri affiliati. La Presidente del comitato aziendale europeo, che rappresenta EPSU, ha affrontato ripetute azioni antisindacali da parte della ORPEA, comprese ripetute minacce di licenziamento e indagini penali. ORPEA ha perso tutte le cause in tribunale e la Presidente ha ricevuto 15.000 euro di danni il 22 marzo 2022. Non è stata informata o consultata su questo accordo per "migliorare il dialogo sociale". L'azienda ha dei precedenti che non possono essere cancellati.

ORPEA ha firmato molti principi di diritti umani e di governance aziendale, compreso il Global Compact delle Nazioni Unite. Queste "azioni di immagine" non hanno impedito all'azienda di attaccare i sindacalisti. Il nuovo accordo globale rappresenta un'altra spunta necessaria per rispondere alle richieste degli investitori e mostrare il cambiamento sulla scia dello scandalo 'Les Fossoyeurs' (i becchini).

L'azienda è sotto gli occhi di tutti in Francia e altrove per lo sfruttamento dei lavoratori e dei residenti. Le ispezioni francesi sulle sue finanze e gli affari sociali hanno mostrato un abuso di fondi pubblici. I sindacati francesi CGT e CFDT con la CICTAR hanno rivelato che l'azienda sta usando una complessa rete di filiali per gestire le sue finanze, compresi gli investimenti in Lussemburgo che non erano stati precedentemente rivelati.

Come voce dei lavoratori del settore dell'assistenza, EPSU si impegna a lottare per un'assistenza di qualità, una migliore retribuzione e migliori condizioni di lavoro in ORPEA - e possiamo farlo solo insieme ai sindacati.

Per ulteriori informazioni, contattare Pablo Sanchez, psanchez@epsu.org +32 (0)474626633